Mariaberica Buzzaccarini

Via S.Antonio 21

36030 Costabissara  (Vi)                                                    info@mariaberica.it              

 

Cenni biografici

 

Mariaberica Buzzaccarini è nata a Vicenza nel 1950 e vive e lavora a Costabissara (Vi)

Durante gli anni del liceo (classico A.Pigafetta) studia pittura con Mina Anselmi e Otello De Maria.

Dal 1972 al 1974  frequenta l’Accademia estiva di Salisburgo sotto la guida del Maestro Schiskowitz e segue le lezioni del Prof. Bacci all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Nello stesso periodo assistite alle lezioni di musica e filosofia indiana di Daniel Levi alla Fondazione Cini di Venezia.

Dopo gli studi in Storia dell’Arte e un corso di laurea in psicologia presso l’Università di Padova, si laurea con una tesi in antropologia culturale nel 1977.

Dal 1981 al 1983, sempre a Padova, approfondisce la tecnica pittorica quattrocentesca delle velature con Dina Giaretta.

Dal 1975 si dedica all’insegnamento dell’acquarello, olio e scultura con la creta. Il suo grande amore per la natura la porta a trascorrere lunghi periodi in montagna nei i mesi invernali, durante i quali insegna sci.

Il suo interesse per la filosofia e l’antropologia la avvicinano alle esperienze di tipo orientale (yoga, meditazione, reiki) e alle filosofie di tipo gnostico sia orientali che occidentale. Il suo ideale corrisponde alla ricostruzione dell’antico triangolo dello spirito, i cui lati sono filosofia, scienza e arte, che interagiscano reciprocamente creando insieme le basi della cultura. Questi emanano direttamente dalle forze che irradiano dai vertici, ovvero amore, sapienza e forza, che sono le tre emanazioni del Logos. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

218. La sfinge:” uomo chi sei, da dove vieni e dove vai?”

 

 

Così il triangolo, che è anche il simbolo dei tre corpi superiori dell’essere umano, descrive: la filosofia come Insegnamento Universale o  religione universale; la scienza come conoscenza delle linee di forza dello spirito, compresa la scienza delle radiazioni; l’arte come l’arte regale della costruzione, ovvero la conoscenza del modo di sostituire alla personalità caduta l’uomo regale divino, la personalità originale.

 

 

 

 

 

 

Da sempre ossessionata dal desiderio di conoscere la realtà al di là del velo delle cose e dei concetti trasmessi dalla cultura, M.B. ricerca quell’elemento comune che metta il ricercatore a stretto contatto con la natura, sia essa materiale che immateriale.

Da qui la sua idea di partecipare all’essenza di ogni vita attraverso l’esplorazione della luce e del colore. La filosofia indiana le è stata qui di grande supporto. La percezione della luce come “forza” creatrice e realizzatrice, che si cristallizza nel mondo oggettivo così come nella coscienza individuale, la porta a cercare e a liberare dai fenomeni la luce stessa, intesa come conoscenza, tramite l’osservazione e l’introspezione. Ovviamente il processo è lungo, perché il cammino per un artista è sostanzialmente pratico. A volte l’intuizione sorpassa i mezzi, e la gioia del sapere supera ogni possibilità di comunicazione. A volte il lavoro di levigatore, o di artigiano, conduce al ristagno  un’esperienza immediata. Ma sono i due aspetti, le forze contrarie alla base della costruzione di un progetto artistico.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si tratta di spingere avanti il limite massimo della comprensione, in modo da scongiurare i più grossolani errori provocati dall’abuso del potere del pensiero…

Per questo è necessario prendere coscienza di tutte le sovrastrutture di cui ci carichiamo, sia a livello individuale che collettivo, per non esserne imprigionati.

311. Potere cristallizzante del pensiero

 

 

 

 

Personali:

 

OTTOBRE 1984 :  Acquarelli e sculture presso il Centro Culturale Italiano di Vancouver B:C:

NOVEMBRE 1985: Acquarelli e sculture in via Solferino, Milano

LUGLIO 1986: Acquarelli e oli all’Istituto Italiano di Cultura di Vancouver,B.C.

SETTEMBRE 1987: Acquarelli e sculture alla Galleria S.Marco di Bassano del Grappa (VI)

GENNAIO 1988: Dipinti ad olio, acquarelli e sculture presso l’Azienda Autonoma di Soggiorno di Madonna di Campiglio (BS)

APRILE 2001: Dipinti ad olio presso Villa Lattes, Vicenza

APRILE 2005. Dipinti ad olio presso l’Arsenale di Verona

SETTEMBRE 2005: Dipinti ad olio nel Sottoportico della Basilica di Vicenza

GENNAIO 2007:  Quadri ad olio alla Biblioteca Comunale di Arsiero

NOVEMBRE 2009: Dipinti ad olio e sculture presso la Galleria Primo Piano Arte Studio di Graziella Zardo di Vicenza

OTTOBRE 2010: Dipinti ad olio e sculture presso la Galleria “Art.u  di Vicenza

DICEMBRE 2010: Dipinti ad olio e sculture nella Sala Consiliare del Comune di Costabissara